Un orsetto per l’ambiente. La storia di un’icona

Il 9 settembre si festeggia il National Teddy Bear Day , la festività dedicata al morbidoso e coccoloso orsetto di peluche che prende il nome dal 26esimo Presidente degli Stati Uniti, Theodore Roosevelt.
La storia racconta che nel novembre 1902, Roosevelt, un appassionato cacciatore, fece un’escursione di caccia organizzata dal governatore del Mississippi del tempo, Andrew Longino a Smedes (Mississippi).
Roosevelt partì accompagnato da alcuni aiutanti, una guida di caccia, Holt Collier, e dai suoi cani da caccia alla ricerca di un orso nero. La battuta di caccia non fu affatto soddisfacente: per settimane il presidente cavalcò con il suo seguito per i boschi del Mississippi e della Luisiana senza sparare a nessun animale. Non sembrava infelice di ciò ma Collier pensò lo stesso bene di far catturare un giovane orso, di legarlo senza farsi notare ad un palo e di chiamare poi il presidente. Roosevelt però non apprezzò l’idea dell’anonimo accompagnatore, proferì una frase divenuta poi celebre “Se uccido quest’orsetto non potrò mai più guardare in faccia i miei figli” e liberò l’orso.
Pochi giorni dopo, il cartone animato di Clifford Berryman intitolato “Stabilire un confine sul Mississippi” apparse su Washington Post dove si mostrava Roosevelt che si rifiutava di sparare all’orso.
Una coppia di coniugi Rose e Morris Mitchom, proprietari di negozi a New York City, videro il cartone animato e decisero di realizzare l’orsacchiotto in versione di peluche. Poco dopo, fondarono la Ideal Toy Company, specializzandosi nella produzione di orsetti. La leggenda narra che gli stessi chiesero in una lettera il permesso a Roosevelt per poter usare il suo nome per il loro orso.
Più o meno nello stesso periodo in cui i Mitchom debuttarono nel mercato con il loro orso, Richard Steiff della Germania creò il suo orsacchiotto imbottito. Sin dalla sua creazione, il nostro amico di peluche diventò uno dei giocattoli più iconici e oggetti di comfort per i bambini, tanto da parlare di lui in canzoni, spettacoli televisivi e film.
Uno studio recente ha scoperto che oltre la metà degli adulti ha ancora il suo animale di peluche preferito con cui è cresciuto, il 40% dorme con esso al suo fianco e il 70% ha dichiarato di voler tenerlo per il resto della vita!

Ecco qui alcuni dei lavori ricevuti con a tema gli orsetti dei vostri bambini.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp